La sigaretta elettronica

oe-cigarette è un dispositivo elettronico che emula i tradizionali prodotti per il fumo, quali le sigarette, i sigari e le pipe.
È uno strumento dotato di una batteria ricaricabile che consente di inalare vapore di una soluzione di glicole propilenico, glicerolo e aromi alimentari.

Il vapore, non il fumo

Il vapore inalato consente di provare un sapore e una sensazione simile a quella provata inalando il fumo di tabacco di una tradizionale sigaretta.
Non essendovi combustione ad alte temperature, da 50 a 150 gradi contro gli 800/880 delle sigarette tradizionali, il rischio cancerogeno è   bassissimo per la mancanza dei residui dovuti al processo di combustione (catrame, idrocarburi policiclici aromatici, ecc...)

La legge

La legge Svizzera consente l'importazione esclusivamente per uso personale di ricariche addizionate con nicotina, 

COME FUNZIONA

La sigaretta elettronica, il cui design varia in base alla marca e alla fascia di prezzo è essenzialmente composta da una batteria e da una piccola resistenza elettrica. 
La batteria può essere attivata manualmente premendo un pulsante, o può attivarsi automaticamente quando si aspira.
Dipende dal modello.
La resistenza è costituita da un sottile filo di nicrome o di titanio, avvolto intorno a uno stoppino di fibra di vetro imbevuto di liquido per sigaretta elettronica.
Lo stoppino viene continuamente mantenuto umido, dal liquido inserito nella cartuccia.
Quando la batteria viene attivata, l’energia erogata alla resistenza ne provoca il riscaldamento.
Questo calore, insieme al rapido flusso d’aria che investe la resistenza, provoca la vaporizzazione del liquido che impregna lo stoppino.

COSA CONTENGONO I LIQUIDI

differenti a seconda degli aromi scelti da ciascun consumatore, contiengono le seguenti sostanze:
acqua,
aromi alimentari,
glicole propilenico
glicerolo vegetale.
A discrezione del consumatore possono contenere nicotina.
La legge Svizzera non permette il commercio della nicotina.
Acqua, abbassa il punto di ebollizione dei liquidi e previene il raggiungimento di temperature troppo elevate
Glicole Propilenico, solvente impiegato per far sciogliere le sostanze nei liquidi, è utilizzato, di norma, sia in campo farmaceutico, sia in campo alimentare, e non è cancerogeno.
Glicerolo Vegetale, impiegato nella composizione di sciroppi, creme, e cosmetici.
La Nicotina, un elemento eventuale e non obbligatorio in diverse quantità: 9 mg – la dose più richiesta -, 18mg, 24 mg,

Percentuale dei componenti

Tradizionalnente è formata dal 50% di Glicole P. dal 40% di Glicerolo V. e da un 10% di acqua demineralizzata.
Chiaramente non è indispensabile mantenere le stesse proporzioni durante la miscelazione in quanto, chi predilige un liquido che sviluppi maggiore fumosità, potrà aumentare le percentuali di Glicerolo riducendo le percentuali degli altri componenti, chi invece preferisce avere un liquido che enfatizzi particolarmente gli aromi, aumenterà la percentuale del Glicole riducendo le percentuali degli altri componenti.